Siclari: «Sanità al collasso. Se non interverranno denuncerò tutti i responsabili politici e tecnici»

2018-04-11 21:25:00 politica

9k=

«Oggi è l’ennesima giornata nera per la sanità calabrese. La mia volontà di far rinascere questo settore, partendo dall’abolizione del commissariamento, è ormai nota. Ma intendo esprimere la mia vicinanza agli oltre 3mila lavoratori, medici e professionisti costretti a scioperare per un servizio che loro stessi non sono più in condizioni di fornire in maniera adeguata. Stiamo parlando di servizi essenziali di assistenza sanitaria. È inconcepibile che si debba arrivare alla protesta per garantire un diritto, quello alla salute, che la costituzione sancisce come fondamentale».

Interviene con queste parole il senatore Marco Siclari nella giornata che vede tutte le strutture private accreditate manifestare contro i decreti del commissario Scura. Una manifestazione indetta dalle associazioni di categoria, con il coinvolgimento dei sindacati, che ha visto rimanere chiuse tutte le strutture della regione Calabria per mandare un segnale a Scura, a Oliverio e alla Lorenzin: le scelte prese durante la sua attività sono prive di logica e vanno contro ogni forma di democrazia, considerando i tagli effettuati senza tenere minimamente conto della realtà che vede le strutture private accreditate dare un supporto notevole al servizio sanitario nazionale, posta la criticità e il continuo stato di emergenza in cui vivono le strutture pubbliche.

Premesso che il servizio sanitario è di per se un servizio pubblico, sia che venga offerto da strutture pubbliche, private o accreditare, mettere in sofferenza le realtà che erogano servizi socio assistenziali equivale all’interruzione di un pubblico servizio. Su questo aspetto il senatore Siclari è stato chiaro: «Se la politica non basta e non darà risposte celeri al territorio calabrese, sarò costretto a intervenire con una denuncia alla Procura per interruzione di pubblico servizio, non solo collegandomi allo sciopero odierno, ma per tutto quello che ogni giorno accade in Calabria a causa dei tagli che mettono a rischio l’assistenza che i professionisti danno. I colleghi medici e tutto il personale sanitario non è più in condizioni di rispettare l’erogazione di un servizio, che deve essere efficiente, solidale ed efficace. Qui si sta parlando della vita di tutti i Calabresi, messa a repentaglio ogni giorno a causa di tagli che, ancora oggi, nessuno riesce a giustificare. Anche il Ministro Lorenzin stesso che, dopo aver voluto questo commissariamento a tutti i costi, ha dovuto ammetterne il fallimento totale. Le nostre strutture pubbliche sono intasate, in alcuni casi ormai al collasso, per un semplice esame ci sono file di attesa lunghe mesi e chi ha un urgenza deve necessariamente rivolgersi alle strutture private che, oggi, grazie ai tagli effettuati, non sono più nelle condizioni di erogare il servizio. Per questo – ha ribadito Siclari – se tanto la Lorenzin quanto il presidente Oliverio non interverranno per porre fine a questo sfacelo, sarò costretto a denunciare tutti i responsabili politici e tecnici che stanno costringendo tutto il comparto sanità a lavorare in condizioni non adeguate e per aver indotto all’interruzione di un servizio pubblico. È finito il tempo delle promesse – ha concluso il senatore Siclari – la misura è colma e lo sciopero di oggi ne è la piena riprova. I calabresi sono stanchi di doversi sentire cittadini di serie B e io, come loro rappresentate, non mi tirerò indietro».





News collegate