Sant'Ilario dello Ionio, l'appello del sindaco Brizzi: «Senza segretario comunale, la vita dell'ente è a rischio»

2018-05-11 17:05:00 politica

9k=

Di Elena Gratteri - Tutto fa pensare che l’assenza di un segretario comunale stabile nel Comune di Sant’Ilario dello Ionio risalga alla bufera giudiziaria che ha investito l’Ente il 1 dicembre 2017, quando 11 dipendenti, in seguito diminuiti a 9, sono stati sospesi dal servizio, stante l’accusa della Procura della Repubblica di Locri di essere autori di molteplici  reati contro la P. A.: dalla truffa aggravata e continuata in danno dell’Ente Pubblico,  all’attestazione fraudolenta della presenza in servizio, dall’abuso d’ufficio e al peculato.

Infatti, proprio successivamente all’operazione “Fuori dal Comune”, che ha portato alla ribalta nazionale il piccolo Comune ionico, l’allora segretario comunale, dott.ssa Monica Grillea, rinunciava all’incarico presso il Comune di Sant’Ilario dello Ionio, decidendo di svolgere servizio solo nel Comune di Canolo, che a sua volta rescindeva unilateralmente la convenzione sul servizio di segreteria in atto con il Comune di Sant’Ilario dello Ionio.

A quel punto, veniva nominato come segretario il dott. Antonino Minicuci, il quale, dopo aver reintegrato due degli 11 dipendenti assenteisti, lasciava il Comune di Sant’Ilario dello Ionio, in vista di una promozione.

Da gennaio in poi si è dovuto assistere ad un blocco della macchina burocratica del Comune, nonché a numerosi rinvii dei consigli comunali, ma  nonostante gli appelli del sindaco Pasquale Brizzi, l’Agenzia dei segretari regionale non garantiva la figura apicale all’amministrazione comunale di Sant’Ilario dello Ionio.

In due momenti fondamentali per il consiglio comunale, quali la determinazione in relazione all’incandidabilità / decadenza del sindaco Pasquale Brizzi e l'approvazione del bilancio di previsione 2018, si è reso disponibile il segretario dott. Eros Polimeni, diversamente, a fine marzo il consiglio comunale si sarebbe sciolto per mancata approvazione del bilancio. 

Adesso, a distanza di cinque lunghi mesi, la situazione non  è affatto cambiata, come afferma il sindaco Brizzi:  «Navighiamo a vista, sperando di volta in volta di riuscire a garantire alla comunità almeno i servizi basilari. In questi ultimi mesi ho chiesto all'agenzia dei segretari regionale, per ben tre volte, la pubblicazione della sede di segreteria vacante, onde poter individuare e nominare un nuovo segretario. Le prime due pubblicazioni sono andate a vuoto, speriamo che questo terzo avviso, con scadenza 14 maggio 2018, abbia esito diverso e si possa finalmente nominare un nuovo segretario per il nostro comune. Mi appello alle istituzioni competenti affinché questa incresciosa vicenda si risolva quanto prima».

La sopravvivenza dell’Ente dipende  necessariamente dalla nomina un segretario comunale, soprattutto in vista delle scadenze che ogni comune deve rispettare. A breve sarà la volta dell’approvazione del rendiconto dell’esercizio 2017 e l’assenza del segretario comunale comprometterà sicuramente la vita stessa dell’Ente.

L’appello del sindaco Brizzi non può rimanere inascoltato, soprattutto in considerazione del fatto che il procrastinarsi di questa situazione ha complicato la vita dei cittadini del Comune, che nonostante paghino le tasse, si vedono privati dei servizi fondamentali.

Si auspica che venga data la giusta attenzione alla situazione del Comune di Sant’Ilario dello Ionio da parte delle istituzioni competenti, chiamati in causa dal primo cittadino, affinché si adoperino al più presto nella risoluzione dell’incresciosa vicenda.

News collegate