S. Ilario, il sindaco Brizzi incontra i cittadini in assemblea pubblica ed è subito polemica

2018-01-09 23:36:00 politica

9k=

Di Elena Gratteri - In occasione dell’assemblea pubblica organizzata dal sindaco di Sant’Ilario dello Ionio, Pasquale Brizzi, e dal consiglio comunale, presso la sala consiliare del Comune, giorno 5 gennaio, per comunicare alla cittadinanza lo stato in cui versa il Comune dopo il blitz dei carabinieri contro i dipendenti assenteisti e per decidere il da farsi anche alla luce del parere della popolazione, le convinzioni sull’operato degli amministratori di alcuni cittadini, che ne hanno preso parte, si sono palesate, per la prima volta in un contesto istituzionale. Vero è che durante le legislature di Brizzi le occasioni concesse ai cittadini per confrontarsi direttamente con gli amministratori in assemblee pubbliche sono state pressoché nulle, ma forse non si è mai sentita la necessità di chiamare in causa la popolazione finché tutto filava liscio. Nonostante lo spirito dell’assemblea fosse quello di ascoltare i cittadini democraticamente sul punto, alcuni interventi non sono stati accolti di buon grado. Infatti, al primo intervento di un cittadino che chiedeva agli amministratori se l’attuale richiesta d’aiuto ai cittadini possa essere giustificata dall’essersi resi meritevoli verso la popolazione nel corso della legislatura, Antonio Carneri, capogruppo in consiglio, rispondeva, con toni poco compiacenti, dicendo di doversi sforzare per comprendere la pertinenza della domanda con l’oggetto dell’assemblea. Certo, non si trattava di un’assemblea volta a raccogliere il parere dei cittadini sull’operato dell’amministrazione comunale, ma era pur sempre un’occasione per gli amministratori di confrontarsi con chi, esercitando il diritto di voto, ha permesso loro di  sedere in consiglio comunale e che aveva, senza dubbio, diritto a delle risposte, anche se ciò significava divagare dall’argomento principale. Si sa, che meno si ha occasione di parlare, più cose si vogliono dire nel momento in cui si ha l’opportunità, come ha fatto lo stesso sindaco. Quest’ultimo, infatti, non ha fatto riferimento solo alla grave situazione del suo comune, facendo l’excursus delle richieste al comune di Canolo, con cui Sant’Ilario è convenzionato, e alla Prefettura di Reggio Calabria, alla ricerca disperata di un segretario comunale che potesse sostituire la Dott.ssa Monica Grillea in malattia, per adempiere ai tanti incombenti in sospeso, ma ha anche aperto una parentesi sulla sua situazione personale relativa all’incandidabilità, su cui, come è noto, si pronuncerà il Tribunale di Locri il 6 febbraio. L’intervento del sindaco, però, ad alcuni dei presenti non è apparso esauriente o meglio non ha rispettato le premesse anticipate con l’indizione dell’assemblea. Ci si sarebbe aspettato che il primo cittadino oppure i membri del consiglio comunale si rivolgessero alla popolazione per  esporre una proposta risolutiva non soltanto del problema della mancanza del segretario comunale, ma anche di quello, diventato ormai insostenibile, della privazione dei servizi comunali. Si sarebbe potuto prospettare un’azione di protesta,  a cui, sicuramente, anche i cittadini che osteggiano apertamente il sindaco e l’intera amministrazione comunale avrebbero preso parte per il bene del paese. In definitiva nessuna idea risolutiva è stata esposta dagli amministratori, ciò probabilmente perché vi è la fiducia che gli organi dello Stato preposti possano risolvere la grave situazione del comune. Pertanto, abbandonando l’idea di dimettersi, forti anche del sostegno dei cittadini che nel corso dell’assemblea li hanno invitati ad andare avanti,  il sindaco e il consiglio comunale hanno comunicato  che il 10 gennaio potrebbero giungere dalla Prefettura le risposte tanto attese. Ove così non fosse, magari adottando sempre la formula dell’assemblea pubblica, stavolta più aperta, saranno decise le modalità con cui affrontare una situazione che può ben definirsi di emergenza.                                                                                             

News collegate