Reggio, monsignor Giorgio Costantino pestato a sangue. È in coma

2017-05-24 13:42:00 cronaca

Z

Lotta ancora fra la vita e la morte, monsignor Giorgio Costantino, parroco della Chiesa della Madonna del Divino Soccorso, a Reggio Calabria, aggredito la notte scorsa da un gruppo di balordi.

È l’una del mattino, quando una decina di giovani scavalca il cancello che divide la piazza della parrocchia, dalla canonica. Monsignor Costantino sente dei rumori ed esce immediatamente, urlando ai ragazzi di andare via.

È in quel momento che la furia cieca del branco si accanisce contro il povero sacerdote. Calci e pugni, soprattutto al volto. Monsignor Costantino è inerme, non può reagire. Uno dei balordi, dopo averlo colpito con violenza, crede sia morto. Per questo, invita tutti gli altri ad andare via immediatamente.

Eccoli i luoghi del pestaggio: un percorso breve che conduce direttamente alla canonica e all’appartamento che ospita il sacerdote.

Ancora tramortito, il presule riesce a chiamare i carabinieri e chiedere soccorso. I militari arrivano in pochi minuti, poi il ricovero agli ospedali “Riuniti” di Reggio Calabria, dove il prete, dopo essere sprofondato in coma, è sottoposto in mattinata ad un delicato intervento chirurgico, per ridurre il trauma cranico conseguente all’aggressione.

News collegate