Raccolta rifiuti a Montebello, il sindaco Suraci avvia le procedure per la rescissione del contratto con Ased

2018-01-08 23:43:00 politica

ased-inaugurazione-01-770x439_c.jpg

Ecco la lettera con cui il sindaco di Montebello, Ugo Suraci, comunica la rescissione del contratto con Ased.

A fronte CONTINUI GRAVI DISSERVIZI registrati nel servizio di raccolta dei RIFIUTI SOLIDI URBANI, con una LETTERA INVIATA AGLI AMMINISTRATORI GIUDIZIARI DI ASED, agli Uffici comunali LL.PP. e Polizia Locale ed ai Sindaci di Roghudi e Bova (questi ultimi in qualità di Comuni sottoscrittori, unitamente ai Commissari Prefettizi che per quasi due anni hanno retto il nostro Comune, dello stesso contratto d’appalto nel mese di aprile 2015), il Comune di Montebello Jonico, nel ripercorrere analiticamente la NATURA E LA CRONICA ENTITÀ DEI DISSERVIZI REGISTRATI, ha comunicato l’AVVIO DELLE PROCEDURE AMMINISTRATIVE VOLTE ALLA RESCISSIONE DEL CONTRATTO D’APPALTO. Non più tollerabile che tale stato di cose continui a ripercuotersi pesantemente sia sui risultati percentuali della raccolta differenziata, procurando, così gravi danni per il Comune e la comunità montebellese costretti sopportare il costo derivante dall’eccesso di rifiuti smaltiti in discarica, che a creare gravi e continui problemi ambientali di degrado dei siti delle postazioni stradali di raccolta con possibili problemi igienici e di sicurezza per la comunità. Non sono serviti a sollecitare il miglioramento della qualità del servizio né qualche iniziale incontro avuto con gli Amministratori Giudiziari di ASED, incontri nel corso dei quali sono stati sollecitati interventi di riqualificazione del servizio volti invertire la rotta, né i continui richiami telefonici ed epistolari. Purtroppo non sono servite neanche le SANZIONI GIÀ APPLICATE ad ASED, per un ammontare di oltre 36.000 Euro, e quelle già preannunciate per il mese di dicembre 2017, in corso di calcolo e di applicazione da parte degli uffici comunali. Dispiace altresì che l’azienda non abbia colto nemmeno i continui SEGNALI DI DISAGIO lanciati dagli stessi suoi LAVORATORI, che, nonostante CREDITORI DI DIVERSE MENSILITÀ STIPENDIALI ed oberati dai gravi limiti strutturali dell’azienda, hanno continuato, RESPONSABILMENTE, ad operare sul nostro territorio comunale: a Loro va il mio ringraziamento.