Perdita di liquidami dai corridoi delle cellette del Cedir, la denuncia dell'Osapp

2018-03-21 13:43:00 attualità

Z

«Per quanto è dato sapere pare che il personale di Polizia Penitenziaria, impiegato nei servizi di traduzione detenuti diretti nelle aule di Giustizia poste all’interno del Centro Direzionale di codesta città, stia operando in condizioni lavorative discutibili. Pare infatti che da oltre due mesi, nonostante svariate segnalazioni, per garantire la sosta di quei detenuti in attesa di essere tradotti dinanzi le varie Autorità Giudiziarie detti operatori siano costretti ad attraversare il corridoio ove perdura perennemente la presenza di liquami che fuoriescono dai tubi di scarico posti al di sopra del controsoffitto. Dette perdite pare abbiano anche intaccato gli impianti elettrici poiché le luci non sono più funzionanti. I servizi igienici sono inutilizzabili e per soddisfare le esigenze fisiologiche dei reclusi bisogna organizzare scorte che li portino nei servizi posti 2 piani più sopra, facendo così venire meno le esigenze di sicurezza. Il pavimento è ridotto ad un manto melmoso e verdastro che deve essere attraversato con cautela per evitare scivoli o cadute. Umidità ed odore sgradevole si propagano per tutti i locali». È la denuncia del segretario generale aggiunto dell'Osapp Domenico Nicotra, sulle condizioni in cui si trova il corridoio del Cedir utilizzato dalla polizia penitenziaria per le traduzioni. Nicotra richiede «un intervento immediato e risolutivo e si invita a procedere all’individuazione di idonei locali sostitutivi, nelle more che gli ambienti destinati alla traduzione vengano ripristinati. Certi di un Autorevole intervento, cogliamo l’occasione per porgere distinti saluti».

News collegate