Parla Klaus Davi: «Sarò sindaco reporter su drammi del sud. Giletti e Nuzzi mi appoggiano. E Cafiero mi dice 'attento'...»

2018-05-31 10:22:00 attualità

9k=

di E. G. - A fine giugno inizierà una campagna elettorale lunga un anno e, conoscendolo, c'è chi giura che ci si può aspettare di tutto da lui.

Klaus Davi, originario di Biel cantone di Berna, ma innamorato pazzo del sud e della Calabria, brandirà la campagna elettorale come una  virtuale mazza da golf che lancerà palle nella agone dell’indifferenza della politica per “ricordare che se non si interviene presto il nostro sud soccomberà". D’ altra parte lui di sud se ne intende, ha curato per anni l’ immagine e le campagne elettorali di Rosario Crocetta e Marco Zambuto in Sicilia e di importanti aziende meridionali . Ha intervistato diverse volte Nino Di Matteo, Antonio Ingroia, Teresa Principato.  Autore di numerosi servizi shock sulla Calabria della Ndrangheta, ora ha deciso di scendere in campo per guidare il comune di San Luca da oltre 6 anni

senza un sindaco. Ne parla con Reggio Calabria Web.

 

Allora fa sul serio?

Si certo, ho deciso di provare anche questa esperienza.


Si rende conto dove si è cacciato?

San Luca è la Mamma della Ndrangheta, come ha rivelato Gratteri. Ormai la Ndrangheta la conosco abbastanza bene. E non per interposta persona. L’ elenco dei boss che ho intervistato è lunghissimo, ho bussato a casa loro, wikipedia per incasellarli usa le foto tratte dai miei servizi realizzati con Alberto Micelotta.

 

Si ma San Luca è ritenuto il luogo delle Ndrine. Nessuno osa presentare le liste...

Proprio per questo ho accettato la sfida. E avendo io diverse attività come imprenditore e giornalista i 12 mesi che ci separano dalle prossime elezioni mi consentiranno di preparare bene la sfida.

 

Ma chi glielo fa fare?

Ho 52 anni, il mio lavoro più o meno lo so fare. Non ho famiglia. Posso mettere a disposizione di una piccola ma importante realtà le mie conoscenze e la mia esperienza per dare una prospettiva ai giovani.

 

L’ impegno di primo cittadino si concilia col resto?

Sarò un sindaco testimone o reporter. I politici romani e la business community milanesi vedrà in me un ambasciatore del sud e dei sui drammi ma soprattutto una opportunità. Sarò un sindaco contro l’ omertà, l’ indifferenza e l’ oscurità con cui vogliono avviluppare il sud. Occuperò le tv se saranno interessate alla mia storia.

 

La sensazione è che lei abbia voluto farlo per testimoniare il dramma di una parte del paese.

Corretto. San Luca è un piccolissimo comune ma ha un valore altamente simbolico. La presenza di famiglie di ‘ndrangheta è capillare ma la gente si sta stufando. Il mio umile obiettivo è riportare lo stato e la democrazia in una realtà cui sono stati negati i diritti base.

 

Dovesse vincere, chi si occuperà dell'amministrazione e delle delibere?

Per queste cose basta un bravo vice. Io concentrerò tutte le mie energie per dirottare l’ attenzione dell’opinione pubblica su questa parte dimenticata dell’Italia. Non so se ci riuscirò ma l’ obiettivo è quello. Poi mi batterò per dare concrete opportunità ai ragazzi. Dare lavoro dare lavoro e ancora lavoro. Ho scritto a Marina Berlusconi e Carlo Feltrinelli perché mi aiutino ad aprire una biblioteca a San Luca.

 

Sarà contro la politica?

No, amo perdutamente la politica.  In Calabria ci sono ottimi amministratori come il sindaco di Riace Domenico Lucano e Michele Tripodi di Polistena. Impegnati sul territorio coraggiosamente.

 

Non si poteva limitare ai reportages?

Le rispondo con le parole del giornalista Giovanni Tizian : o ti ammazzano o non ti fila nessuno. Io non voglio essere ammazzato e questa mi sembrava una bella occasione per fare uscire un territorio dal cono d’ombra.

 

Z

Perché Massimo Giletti e Gianluigi Nuzzi l’appoggiano?

Perché hanno capito che la mia campagna elettorale non ha nulla di politico in senso classico ma è tutta giocata contro l’ indifferenza... Massimo Giletti ha un feeling con il sud pazzesco. Lui è un alto borghese e ricco. Lui si che  potrebbe fregarsene invece lotta e si incazza. Dovrebbero solo ringraziarlo per quello che fa. Ma chi andrebbe mai a Mezzojuso per incontrare tre donne abbandonate da tutti. Il giornalismo non è solo cinismo è anche cuore. Quanto a Nuzzi, dobbiamo a lui le più grandi inchieste di mafia calabrese realizzate in Italia.

 

Ma i politici vengono in Calabria...

Con il dovuto rispetto, in alcuni casi solo per prendere voti e fare passerelle.

 

Lei attacca spesso la Boschi..

Nulla di personale, ci conosciamo, ma è esattamente il tipo di politica che non voglio fare io. Anzi l'opposto. Si è presentata due volte in Calabria con ridicoli e costosi codazzi e papaveri romani. Ma se ne è ben guardata dal candidarsi li. Il Pd calabrese la giudica politicamente controproducente.

In quella regione c è il più altro tasso in Europa di disoccupazione femminile e lei non ha mai speso una sola parola..... Detto questo alcune cose (poche) Gentiloni le ha fatte come la creazione della zona economica speciale.

 

2Q==

Federico Cafiero De Raho cosa le ha detto nel vostro recente incontro?

Lui si preoccupa, mi dice di essere più prudente, di espormi di meno in prima persona . E' normale, è un alto rappresentante dello stato.

 

Per lei si è speso parecchio....

Si e non so se sono all’altezza di quello che ha detto. Però passione ce la metto, penso che questo lo avverta da uomo del sud.

 

E' vero che vuole valorizzare il santuario di Polsi?

Si grazie al lavoro della Regione Calabria e di Mario Oliverio, della prefettura guidata da Michele di Bari , dal commissario Salvatore Gulli e della polizia oggi è diventato una meta turistica. Voglio promuoverla in tutto il mondo. Non dimentichiamo anche Monsignor Francesco Oliva sempre molto netto contro le mafie. 

 

Perché il sud le sta tanto a cuore?

Lo dico con le parole di Carlo Messina numero uno di Intesa: non ci si può aspettare nulla da una Italia diseguale. Io sono consulente di imprese e aziende, i miei clienti sono preoccupati. Facendo morire un pezzo di Italia non c’è futuro, si danneggia il mercato, il tessuto sociale, si distrugge l'Italia.

News collegate