Motta S. G., lo sviluppo passa da un piano condiviso di riordino del territorio

2018-01-24 12:54:00 politica

2Q==

Di Pasquale Gattuso - “Il riordino del territorio è un tema fondamentale, il nostro comune per caratteristiche geomorfologiche e l’assoluta centralità tra area grecanica, dello stretto e Aspromonte potrebbe svilupparsi e creare indotto economico e lavoro attraverso il turismo”. Dichiara questo Domenico Cogliandro, capogruppo di maggioranza, commentando l’attività portata avanti dall’Amministrazione comunale e anticipando alcuni temi. “Una fascia costiera di sei chilometri le eccellenze agroalimentari, storiche e culturali - chiosa il consigliere delegato dal sindaco Giovanni Verduci a seguire Urbanistica e pianificazione del territorio, Politiche giovanili, Turismo, Demanio e Sport - completano un’offerta turistica di tutto rispetto, ma dobbiamo prima lavorare - prosegue Cogliandro - sul riordino del nostro territorio e sull’approvazione degli strumenti urbanistici. La giunta comunale ha già espresso un atto di indirizzo agli uffici competenti che stanno lavorando -aggiunge Cogliandro - per consentirci, in breve tempo, di portare in consiglio comunale l’adesione al “consumo di suolo zero”. “Una procedura - evidenzia Cogliandro - che ci permetterà di continuare ad utilizzare il nostro piano regolatore fino all’attuazione di quello strutturale comunale, recuperare tributi e adempiere agli obblighi di legge visto il perentorio richiamo da parte della Regione Calabria. Offriamo, così, un chiaro segnale - prosegue Cogliandro - su come vogliamo creare sviluppo senza però violentare il nostro territorio. Il nostro piano regolatore è stato redatto in previsione di un aumento demografico che non c’è stato, per cui abbiamo - aggiunge Cogliandro - margini residui che ci permettono di gestire le esigenze della cittadinanza”.  “La stessa attenzione - chiosa il capogruppo - è prestata per il piano spiaggia, un altro strumento che manca al nostro comune e sul quale stiamo lavorando con estremo vigore. Gli anni di ritardo accumulati hanno danneggiato il nostro territorio, escludendo Lazzaro - prosegue Cogliandro - dalle mete balneari più gettonate, proveremo a rilanciare il processo attraverso iniziative mirate e legate all’ambiente marino, alla cultura, all'accessibilità. Non possiamo sperare in un incremento dei flussi turistici se prima - aggiunge Cogliandro - non garantiamo i servizi e una scrupolosa pianificazione del territorio”. “Per il piano strutturale e quello spiaggia - annuncia il consigliere delegato - prima di approfondire il tema in consiglio comunale, coinvolgeremo la comunità attraverso incontri e pubbliche manifestazioni dove - prosegue Cogliandro - ascolteremo i tecnici, gli imprenditori, le associazioni, le realtà produttive e quanti - aggiunge Cogliandro - tra i nostri concittadini vorranno offrire un proprio contributo di idee. Il sindaco Giovanni Verduci mi ha affidato deleghe importanti, intendo ripagare - termina Domenico Cogliandro - la sua fiducia con il massimo impegno, certo che con la Giunta e il Consiglio comunale potremo raggiungere risultati importanti”.

News collegate