Marina di Gioiosa Jonica, bullismo e cyberbullismo: il gioco crudele

2018-03-18 21:34:00 cultura

9k=

Di Elena Gratteri - La mattina di sabato 16 marzo, alcune classi della scuola media “Pedullà” di Siderno e di quella di Marina di Gioiosa Ionica “Brugnano”, grazie al consenso dei rispettivi presidi, Prof. Vito Pirruccio e Prof.ssa Giuliana Fiaschè, hanno partecipato ad una lezione davvero speciale sul bullismo e il cyber bullismo, presso il centro di formazione “Obiettivo Formazione”, a Marina di Gioiosa Ionica.

I piccoli studenti sono stati accolti da Maria Lucia Pugliese, assistente sociale e Presidente della cooperativa “Obiettivo formazione”, che ha presentato il suo centro di formazione, dove è possibile seguire anche i corsi per la certificazione ECDL dell’Associazione Italiana del Calcolo Automatico.

Proprio il Presidente dell’Associazione culturale Format e divulgatore di AICA, Dott. Renato Marafioti, ha tenuto catapultata su di sé l’attenzione dei ragazzi, che hanno seguito davvero con grande interesse e attenzione la sua relazione dedicata alla sicurezza in  rete.

In particolare, i video utilizzati da Marafioti per spiegare i tanti pericoli che si possono incontrare in rete ed i segreti per cercare di proteggersi, hanno stimolato i ragazzi a porre delle domande ed a prendere appunti.

Appunti che saranno utili per redigere una relazione sul convegno a cui hanno partecipato, come richiesto dal sociologo Dott. Francesco Rao, intervenuto per primo a relazionare sui nuovi modelli di comunicazione, tra opportunità, limiti e devianze.

Infine, ha preso la parola l’avvocato Mari Pia Pulitanò, che ha trattato il profilo giuridico della tematica, approfondendo gli aspetti più salienti della legge sul bullismo ed il cyber bullismo e spiegando ai ragazzi quando un loro comportamento possa configurare uno dei reati ricompresi nella legge n. 71/2017.

Inoltre, la professionista ha lasciato a disposizione degli insegnati che hanno accompagnato gli studenti al convegno due moduli: uno relativo alla segnalazione di casi di cyberbullismo al Garante per la protezione dei dati personali e uno relativo alla segnalazione di utenti di facebook inferiori alla maggiore età.

L’evento formativo, finalizzato alla formazione e alla prevenzione degli studenti, era rivolto anche agli avvocati, ai quali il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Locri riconoscerà 3 crediti formativi.

Tra i partners anche l’Associazione di Promozione Sociale “Politeia – Dentro la Città”, che sta affrontando la tematica del bullismo e del cyber bullismo nel progetto “Adolescenti competenti”, con gli studenti dei Licei “ G. Mazzini” di Locri.

News collegate