L'Accademia delle imprese europea discute del futuro economico e produttivo dell'area dello Stretto

2017-07-18 07:20:00 economia

Z

È stata un'iniziativa dal grande spessore culturale quella organizzata dall'Accademia delle Imprese Europea e dal comitato Valle Cannavò del Calopinace, nel bar Aurora di Cannavò. Al convegno dal titolo "Area dello stretto, quale futuro", infatti, hanno preso parte personalità di primo piano del settore economico e produttivo non solo della città di Reggio Calabria, ma anche di quella di Messina. Ed è stato proprio l'assessore al Bilancio della città peloritana, il reggino Enzo Cuzzola, a discutere di uno sviluppo possibile per lo Stretto, considerai gli aspetti principali del tessuto economico, come il turismo, l'agroindustria, le risorse ambientali e climatiche. Un argomento di grande attualità affrontato con il vice sindaco della città metropolitana, Riccardo Mauro.

A discettare di colture filoterapiche per lo sviluppo del territorio e le loro applicazioni, è stata Giusy Longo, membro del Comitato tecnico scientifico dell'Accademia delle Impresa Europea. È toccato all'assessore comunale allo sviluppo economico, Saverio Anghelone, parlare di possibili azioni di marketing territoriale nell'area dello Stretto.

Il presidente di AdI Europea, Giuseppe Ariobazzani, infine, ha affrontato la tematica concernente gli interventi a sostegno delle imprese e del territorio, prima dell'assegnazione del marco di riconoscimento della rete "Enoagriart". I lavori sono stati coordinati da Marilena Cucinotta, responsabile territoriale di AdI Europea. 

News collegate