La Viola conquista la terza vittoria consecutiva. Successo anche a Palermo

2018-10-29 11:55:00 sport
wGkBMTHZbytigAAAABJRU5ErkJggg==
GREEN BASKET PALERMO – VIOLA REGGIO CALABRIA 72-82
(26-23 | 13-21 | 12-17 | 21-21)
Green Basket Palermo: Giancarli 10, Svoboda 8, Paunovic 13, Caronna 6, Lombardo 10, Del Maso 12, Venturelli 13. Coach: Priulla.
Viola Reggio Calabria: Nobile 7, Agbogan 8, Mastroianni 11, Paesano 14, Fallucca 14, Vitale 6, Fall 4, Alessandri 2, Carnovali 15. Coach: Mecacci.
Arbitri: Di Franco e Naftali.

Partita intensa al PalaMangano, ma la Viola - con un secondo e terzo periodo sontuoso dal punto di vista difensivo - porta a casa la seconda vittoria esterna consecutiva: 72-82, il risultato finale. Sugli scudi Carnovali e Fallucca (15 punti entrambi). Bene Paunovic e Venturelli tra i locali.
Seconda trasferta consecutiva per la Viola Reggio Calabria di coach Matteo Mecacci impegnata al PalaMangano, casa della Green Basket Palermo, formazione in cerca di riscatto dopo la sconfitta nel derby siculo con l’Alfa Basket Catania nel turno infrasettimanale. Palermo, inoltre, presenta una novità in panchina: dopo l’esonero di coach Marco Verderosa, esordio infatti per l’ex Trapani, Flavio Priulla.
Viola in canotta nera con strisce arancioni; lo starting five è il solito: Alessandri, Nobile, Fallucca, Paesano e Fall; la Green Basket, con divisa bianco-verde, risponde con Giancarli, Svoboda, Venturelli, Paunovic e Caronna. Gli arbitri del match sono Di Franco e Naftali.
Partenza aggressiva di Palermo che piazza un parziale di 7-0, dopo che la Viola aveva sbloccato il proprio referto con un 2/2 ai liberi di Fall, costringendo al time-out coach Mecacci. La Viola prova a rientrare con un 4-0 firmato Paesano e Nobile. Palermo però mantiene le distanze con due canestri in fila da sotto canestro e una super-bomba di Venturelli (14-6), ma la notizia peggiore arriva col secondo fallo di Alessandri costretto al cambio con Vitale. La bomba di capitan Fallucca (14-10) ridà fiducia a una Viola che nei primi 5 minuti del match subisce la fisicità di Caronna e Paunovic. Rotazione a nove elementi per Mecacci, in virtù anche del secondo fallo di Fall, con l’esordio per Mastroianni, Agbogan e Carnovali. Proprio l’ex Ferentino con 7 punti consecutivi si carica l’attacco della Viola che però continua a soffrire terribilmente sotto le plance il peso di Caronna, Del Maso e Paunovic. Nell’ultimo minuto non segna più nessuno e al primo riposo si va sul 26-23.
Rientro in campo e dopo 18 secondi terzo fallo personale al play Alessandri che resta in campo: prova ad allungare Palermo con la tripla di Svoboda, la risposta è nel pick’n’roll della Viola con quattro punti in fila di Paesano dall’angolo (29-27). Nervosismo sul parquet col fallo tecnico di Svoboda, punito di Carnovali, prima, e poi col canestro di Nobile per il primo vantaggio della Viola. Grande ritmo della partita, a scontarlo – in lucidità - ancora Alessandri che commette il quarto fallo in tredici minuti, uscendo fuori dal match. Si segna solo dai liberi: Paunovic e Mastroianni portano sul 32-34 a cinque minuti dall’intervallo lungo. Situazione falli sempre più pesante: tre falli per Fallucca e Fall con fallo tecnico aggiuntivo alla panchina per proteste. 35-34 coi canestri di Venturelli e Svoboda per il nuovo vantaggio della Green Basket. Reggio Calabria si mette a zona in difesa e ritrova la via del canestro con Agbogan (6 punti in 2 minuti), Mastroianni e Paesano riportando i neroarancio avanti (35-44). Gli ultimi canestri sono della Green Basket che riduce lo scarto sul 39 a 44.
Agbogan, Nobile, Fallucca, Mastroianni e Paesano sono i cinque titolari del terzo periodo; per Palermo si riparte dal quintetto titolare con Giancarli, Svoboda, Venturelli, Paunovic e Caronna. Canestri chiusi per 2 minuti, fino alla tripla di capitan Fallucca e al tap-in di Agbogan che portano Reggio Calabria sul +10 . Succede poco fino al quinto minuto quando Mastroianni e Fallucca sparano la tripla del 39-55. Rientrano Alessandri e Fall, col playmaker che si sblocca dai liberi portando i neroarancio sul 13-0 nel terzo periodo. Rompe il digiuno una tripla senza ritmo di Giancarli a cui risponde sempre al tiro pesante Mastroianni (44-60). Venturelli e Del Maso provano a tenere in vita Palermo con un contro-parziale di 7-0. La sfida nella sfida tra Alessandri e Giancarli porta il play neroarancio al quinti fallo e alla doccia anticipata costringendo Meccacci al time-out sul 51-60. Dalla lunetta Fall fa 1 su 2 ai liberi portando il risultato alla fine del terzo quarto sul +10 per la Viola.
Il quarto periodo si apre con una tripla di Caronna che prova a scompaginare il piano difensivo della Viola: a rispondergli, in casa Viola, è lo specialista delle triple, Tommaso Carnovali con due bombe in fila. Ritmo su ritmo: Dal Maso e Venturelli ribattono sul 58-66. Viola che torna ancora sul +10 con l’arresto e tiro di Vittorio Nobile. Si iscrive a referto anche Donato Vitale con un super isolamento da tre punti che proiettano la Viola sul +12 (59-71). A 5:45 fischiato fallo antisportivo a Giancarli su Alessandro Paesano che fa 2/2 ai liberi; allungo Viola concluso con lo slalom di Vitale per il 59-75. Dopo il canestro di Svoboda, Mecacci spende un time-put per organizzare la gestione finale della Viola, predicando calma con ampi gesti dalla panchina. Il rientro dopo la sospensione, però, premia Andrea Lombardo e Caronna (-9). Continua il digiuno della Viola con Lombardo che tiene a galla i suoi, poi Venturelli si fa fischiare un antisportivo per una reazione su Vitale. Il tiro libero del playmaker di scorta e il canestro di Paesano riportano la Viola sul +10 sull’1:42 alla fine. Palermo è solo Lombardo in attacco con l’esterno di coach Priulla che continua a realizzare a tenere accese le speranze dei siciliani (70-78). Il punto esclamativo sul match lo mette la tripla di Matteo Fallucca, 81-70. Tecnico al coach siciliano per proteste: il +12 è siglato col libero di Nobile e il lay-up di Giancarli che scrivono i titoli di coda alla partita sul 72-82.

News collegate