Il circolo 'Pd Motta-Lazzaro-Valanidi' ha analizzato il risultato elettorale

2018-03-18 21:48:00 politica

2Q==

Di Pasquale Gattuso - La sconfitta netta del Partito Democratico alle recenti elezioni politiche, induce a una seria riflessione, sul perché del risultato. La buona azione di governo di questi anni e la proposta politica e programmatica del nostro partito non è stata capita e sufficientemente veicolata, mentre alcuni partiti sfruttando il disagio sociale diffuso e l’insicurezza generalizzata dei cittadini, hanno fatto una campagna elettorale attraverso slogan populisti e proposte irrealizzabili, attraendo così un facile consenso. L’assemblea degli iscritti del Circolo PD Motta-Lazzaro-Valanidi convocata dal segretario Fortunato Pedà, giovedì scorso ha ampiamente dibattuto di quanto su detto, ma principalmente ha evidenziato la necessità di ripartire dal circolo, dal territorio, dalle esigenze e aspettative dei cittadini. Unanimemente si è convenuto di riorganizzare il circolo, attraverso azione politica costante, che tenga conto di attenzionare alle fasi politico-amministrative degli enti regione, città metropolitana e comune, e di avanzare proposte di discussione su problemi legati al territorio. “Il Partito Democratico - chiosa Pedà - è l’unico partito che ha un patrimonio unico, costituito dai circoli e da una organizzazione capillare sui vari livelli. Si deve necessariamente partire da lì - termina Pedà - per riconquistare quei consensi persi nelle ultime tornate elettorali”.

News collegate