I parlamentari Siclari e Tripodi hanno incontrato i vertici di Confindustria e Camera di Commercio

2018-05-23 15:00:00 politica

2Q==

Studio del territorio, programmazione e collaborazione. Queste le parole chiave che hanno accompagnato le visite istituzionali del senatore Marco Siclari e della deputata Maria Tripodi.

L’idea è quella di aprire un confronto produttivo con le realtà che vivono quotidianamente i disagi di questo territorio facendosi carico delle istanze da portare ai tavoli romani. Con questo spirito Siclari e Tripodi hanno incontrato, nella mattinata di ieri, il presidente della camera di commercio Ninni Tramontana e nel pomeriggio presidente di Confindustria Reggio Calabria, Giuseppe Nucera e gli industriali reggini.

L’azione di confronto avviata è il primo tassello necessario per iniziare a raccogliere le istanze del territorio e aprire tavoli che possano portare a delle soluzioni.

Turismo, commercio, infrastrutture e collegamenti, questi sono solo alcuni dei nodi discussi con il Presidente Tramontana che si è detto disponibile ed entusiasta dell’interessamento dimostrato da Siclari e Tripodi ad affrontare di petto quelle che da troppo tempo sono rimaste richieste inascoltate. Il ruolo della politica, ha ricordato Tramontana, è fondamentale per programmare un concreto sviluppo della provincia reggina e questo non può che passare dallo sviluppo delle infrastrutture.

«Evitare l’isolamento e investire per potenziare quanto già esistente è una priorità – ha dichiarato il senatore Siclari – Abbiamo la possibilità di avere un confronto con tutte le parti interessate ma, certamente l’aeroporto da solo non può bastare a far decollare l’intera provincia. Servono investimenti concreti e, come confermato dal presidente del Parlamento Europeo Antonio Tajani, che presto verrà in visita a Reggio, i fondi europei ci sono e vanno sfruttati».

Con lo stesso entusiasmo i rappresentanti reggini Siclari e Tripodi sono stati accolti a Confindustria dove ad aspettarli era presente una folta delegazione di industriali pronti a mettere sul piatto tutti i punti che non possono più aspettare, in primis, unitamente all’aeroporto, il porto di Gioia Tauro definito «cattedrale nel deserto». Il Presidente Nucera ha consegnato ai deputati dossier relativi alle speranze che da anni sono rimaste chiuse nei cassetti come la Bovalino – Bagnara e insieme ad essi la speranza di trattenere i giovani in Calabria e spronarli a fare impresa. Nulla è perduto e Siclari, dopo un lungo confronto con gli industriali presenti, ha dato loro la disponibilità ad avviare un tavolo che sia continuo e programmatico affinchè «gli imprenditori coraggiosi non si sentano più soli e abbandonati. Sarò la loro voce a Roma – ha concluso Siclari – e insieme getteremo le basi per ricostruire questa terra da troppi anni abbandonata soprattutto da una politica miope di fronte alle esigenze e al potenziale inespresso. Per la prima volta nella storia della Repubblica abbiamo costituito una commissione interparlamentare per affrontare le questioni del Sud. Sul tavolo del governo porteremo un programma per il Mezzogiorno, al quale – ha continuato Siclari rivolgendosi agli industriali reggini – vi invito a partecipare, segnalando i progetti approvati e ancora non realizzati. La strada è lunga e in salita ma con l’incontro di oggi abbiamo di certo aperto un varco importante che porterà i suoi frutti».

 

News collegate