Giornalista slovacco ucciso, arrestati tre italiani. Sono della provincia di Reggio Calabria

2018-03-01 15:08:00 cronaca
omicidio_jan_kuciak.jpg
L'imprenditore italiano Antonino Vadalà è stato arrestato dalla polizia slovacca, che indaga sulla morte del giornalista ucciso, Jan Kuciak. Lo scrive il quotidiano locale Korzar. Secondo i media, stamattina la polizia ha fatto irruzione negli appartamenti dell'imprenditore, a Michalovce e a Trebisov, nell'est del Paese. Insieme a lui sono stati arrestati anche il fratello Bruno e il cugino, Pietro Catroppa. Della famiglia Vadalà e dei presunti legami con la 'ndrangheta ha scritto Kuciak nel reportage pubblicato ieri dal suo giornale.
Non risultano essere stati coinvolti in inchieste giudiziarie in Calabria negli ultimi anni i tre italiani arrestati in Slovacchia nell'ambito delle indagini sull'omicidio del giornalista Jan Kuciak e della fidanzata, ma le loro famiglie sono ben note alla Dda di Reggio Calabria ed agli investigatori. Antonino Vadalà è imparentato col presunto boss dell'omonima cosca Domenico, detto "Lupo di notte", e la sua famiglia è rimasta coinvolta nell'inchiesta "bellu lavuru" - condotta in due tranche nel 2008 e nel 2012 - che portò alla luce il patto
spartitorio, dopo anni di scontri, tra le cosche di 'ndrangheta della fascia ionica reggina per accaparrarsi il denaro degli appalti per i lavori di ammodernamento della strada statale ionica. Antonino Vadalà, il fratello Bruno ed il loro cugino Pietro Catroppa, pur essendosi trasferiti nell'Est Europa nel 2003, secondo quanto si è appreso in ambienti investigativi, non avevano mai reciso i legami con le famiglie di origine e tornavano periodicamente in Calabria. 

News collegate