Edilizia residenziale pubblica, importante riunione a Motta San Giovanni

2018-07-17 21:04:00 politica

2Q==

Di Pasquale Gattuso - Convocata dall’Azienda territoriale per l’edilizia residenziale pubblica regionale, si è tenuta presso gli uffici comunali a Motta San Giovanni un’importante riunione con i cinque soggetti che, con decreto del sindaco dell’11 giugno 2015, erano stati individuati quali assegnatari degli alloggi Aterp in località San Giorgio - Malluzzo. Presso palazzo Alecce, presente il dottor Nicola Morena dell’Aterp, il vicesindaco Rocco Campolo e l’assessore alle politiche abitative Carmelita Laganà, gli assegnatari hanno potuto scegliere l’alloggio in base alla graduatoria, ma solo dopo aver confermato il mantenimento dei requisiti richiesti per l’assegnazione. Dopo il saluto iniziale del vicesindaco Rocco Campolo, che ha voluto esprimere il compiacimento dell’intera Amministrazione comunale per una vicenda che ormai da alcuni anni tiene sulle spine cinque famiglie e che adesso sembra volgere positivamente al termine, è toccato all’assessore Laganà approfondire le procedure ed anticipare alcune novità. Nei prossimi giorni - ha esordito la delegata alle politiche abitative - saranno conclusi i lavori di manutenzione permettendo così la reale consegna delle chiavi ai legittimi assegnatari, che finalmente potranno prendere possesso degli alloggi. Grazie alla sensibilità dei funzionari Aterp, all’attenzione della nostra Amministrazione e alla fattiva collaborazione degli uffici comunali, è stato possibile - prosegue Laganà - recuperare dal bilancio Aterp le somme che sono state impiegate per gli infissi interni ed esterni, per il rifacimento della pavimentazione, degli impianti elettrici ed idraulici. Inoltre - aggiunge l’assessore - l’Aterp ha già appaltato e consegnato ulteriori lavori che interesseranno alloggi non ancora assegnati e che lo saranno non appena si concluderà tutto l’iter attraverso l’approvazione della graduatoria a seguito della pubblicazione del bando lo scorso aprile. Per tutto questo è giusto ringraziare l’architetto Altomonte, la dottoressa Cartella, il geometra De Pietro e il dottor Morena che con pazienza hanno ascoltato le continue sollecitazioni mie e del presidente del consiglio comunale Giovanni Gattuso. Ai cinque beneficiari - conclude Carmelita Laganà - ho chiesto di essere gelosi custodi di questi alloggi, nel rispetto proprio e dell’intera comunità”.

News collegate