Comune, ecco cosa cercavano i carabinieri a palazzo San Giorgio

2017-10-12 09:22:00 politica

D9ByRmUYpk+dQAAAABJRU5ErkJggg==

Venerdì scorso l’ultimo blitz dei carabinieri a palazzo San Giorgio. Tanti gli interrogativi sul materiale che è stato prelevato dai militari dell’arma che, in quell’occasione, hanno anche inibito l’accesso alle stanze del palazzo del comune.

Sembra che l’attenzione degli inquirenti sia caduta su una serie di delibere di giunta (richieste nello specifico) relative agli anni 2014 e 2015. In particolare, dalla segreteria generale, sarebbero stati richiesti atti che riguardano la ex Multiservizi e soprattuttola gestione del servizio idrico integrato.

Non è un dubbio ma ormai quasi certezza il fatto che a “stimolare” gli inquirenti verso alcuni particolari atti del Comune (sono state chieste delibere di giunta e non del consiglio) siano state le denunce effettuate dall’ex assessore ai lavori pubblici Angela Marcianò che ha terminato il suo mandato a fine luglio per contrasti insanabili col sindaco Giuseppe Falcomatà.

Altro indizio che porta nella stessa direzione starebbe nel fatto che sono state fatte pervenire all’amministrazione, negli ultimi giorni, ulteriori richieste di accesso agli atti, sempre relativi ai lavori pubblici, e sempre tramite legale da parte dell’ex assessore che, essendo stata più di due anni all’interno delle stanze del comune, sa bene in quale parte del pagliaio vanno cercati gli aghi.

 

News collegate