AGRICOLTURA: LE DISPOSIZIONI ANTI-CONTAGIO PER I LAVORATORI DELLA FILIERA AGROALIMENTARE

2020-03-14 19:08:00 attualità

9k=

Il Sottosegretario alle Politiche Agricole, Giuseppe L’Abbate, illustra le disposizioni che interessano il comparto primario e invita i consumatori a prediligere i prodotti freschi e locali così da sostenere il Made in Italy agroalimentare

Le filiere agricola, agroalimentare e della pesca non si sono fermate e continuano nel loro lavoro, non facendo mancare i propri prodotti all’interno dei negozi alimentari italiani.

Per mantenere, però, gli scaffali pieni c’è un intero gruppo di lavoratori che non può rimanere in casa, come impongono le disposizioni per il contrasto alla diffusione del Coronavirus, ma deve coraggiosamente raggiungere il posto di lavoro: sia esso nei campi o negli stabilimenti produttivi.

Dopo una lunga concertazione, guidata dal Presidente Giuseppe Conte, si è addivenuti alla sottoscrizione del “Protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro” tra i ministeri dell’Economia, del

Lavoro e delle Politiche Sociali, dello Sviluppo economico e della Salute.

 

Un protocollo che interessa, ovviamente, anche il comparto primariodichiara il Sottosegretario alle Politiche Agricole, Giuseppe L’Abbate e che contiene linee guida condivise tra le Parti per agevolare le imprese nell’adozione di protocolli di sicurezza anti-contagio. La prosecuzione delle attività produttive può, infatti, avvenire solo in presenza di condizioni che assicurino alle persone che lavorano adeguati livelli di protezione.

Nel comparto primario è lapalissiano come le aziende non possano ricorrere al lavoro agile e, pertanto, diviene fondamentale garantire condizioni di salubrità e sicurezza agli ambienti di lavoro e alle modalità lavorative”.


Tra le indicazioni inserite all’interno del protocollo vengono indicate la “rarefazione delle presenze dentro i luoghi di lavoro” e il rispetto della “distanza interpersonale di un metro” come principali misure di contenimento.

In campo aperto è alquanto possibile raggiungere questi obiettivi prosegue L’Abbatema ciò può divenire più complicato negli altri luoghi di lavoro lungo la filiera agroalimentare”.


In queste situazioni, laddove si sia al di sotto della distanza interpersonale di sicurezza di un metro, viene richiesto di adottarestrumenti di protezione individuale come mascherine e altri dispositivi di protezione (guanti, occhiali, tute, cuffie, camici, etc…), conformi alle indicazioni delle autorità scientifiche e sanitarie.

Sappiamo bene della difficoltà di reperimento sul mercatocontinua il Sottosegretario alle Politiche Agricolee ci stiamo adoperando in tutti i modi per garantirne l’approvvigionamento”.

 

L’azienda dovrà mettere a disposizione idonei mezzi detergenti per le mani (che può preparare autonomamente seguendo le indicazioni dell’OMS, Organizzazione Mondiale della Sanità), assicurare la pulizia giornaliera e la sanificazione periodica dei locali, degli ambienti, delle postazioni di lavoro e delle aree comuni e di svago. Inoltre, dove è presente un servizio di trasporto organizzato dall’azienda, va garantita e rispettata la sicurezza dei lavoratori lungo ogni spostamento.

 

È di primaria importanza ribadire che in presenza di febbre, sintomi di influenza, provenienza da zone a rischio o contatto con persone positive al virus nei 14 giorni precedenticontinua Giuseppe L’Abbate viene fatto divieto di entrare in azienda e di partecipare alle attività lavorative”.

Per i fornitori esterni dovranno essere individuate procedure di ingresso, transito e uscita, mediante modalità, percorsi e tempistiche predefinite al fine di ridurre le occasioni di contatto con il personale in forza nei reparti aziendali. Gli autisti dei mezzi di trasporto devono rimanere a bordo dei propri mezzi e non è consentito l’accesso agli uffici per nessun motivo. Per tutto il personale esterno andranno individuati servizi igienici dedicati.

 

Lo sforzo che sta compiendo la filiera agroalimentare italiana in questo periodo di emergenza è qualcosa di eroicoconclude il Sottosegretario Giuseppe L’Abbate


Pertanto, non posso che rinnovare l’invito ai consumatori a prediligere i prodotti freschi e locali così da sostenere il Made in Italy e le nostre imprese.

È un momento in cui siamo chiamati tutti ad essere solidali e ad avere maggiore sensibilità”.