Agenzia Dogane, il Pri: «La città non può subire un altro scippo»

2018-05-11 17:00:00 politica

Dogane.jpg

Mentre il P.R.I. reggino continua a predicare una gestione programmatica per la città, si assiste ad una lenta disintegrazione della stessa, accompagnata da una classe politica (tutta) negligente e assuefatta dal nulluismo cosmico. Dopo l’Agenzia dei beni confiscati e il Tito Minniti, sembra la volta dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli.

Tuttavia l’amministrazione comunale sembra essersi svegliata dal lungo letargo e interpellato il Ministro, che ha temporaneamente sospeso la procedura del trasferimento della direzione dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli da Reggio Calabria a Catanzaro.

Il problema più che burocratico (come qualcuno vorrebbe far credere), è ancora una volta politico, frutto della scarsa collaborazione tra gli amministratori della Regione Calabria e gli amministratori locali. Non servono grandi statisti per capire che è Reggio il centro del traffico doganale. Il porto di Gioia Tauro si trova nell’area della Città Metropolitana di Reggio Calabria e va ricordato al Consiglio di Stato, che si è espresso in merito, che il porto è più grande in Italia per il throughput container, sesto nel Mediterraneo e nono in Europa! Non vogliamo pensare che gli organi superiori vedano nel prossimo futuro dell’infrastruttura, la sola destinazione del commercio di cocaina.

 La città di Reggio Calabria, dopo il trasferimento dell’Agenzia dei Beni Confiscati, e con il Tito Minniti soggetto a una lenta dissoluzione, non può subire così indegnamente un altro scippo. Ci fa pena vedere il Sindaco e il suo Vice, autori della disintegrazione della coalizione che li ha portati all’elezione, sempre più soli, pronti a scagliare la pietra contro partiti e i rappresentati politici che non lo accompagnano nelle loro mezze battaglie. Da carnefici a vittime.

Il P.R.I. di Reggio Calabria si schiera con la città e con tutte le forze che hanno a cuore il nostro territorio, andando oltre i campanilismi e le guerriglie politico-partitiche.

News collegate